Path

Home Reschigliano Insieme Informazioni 1972 Il cambiamento con l'arrivo di Don Giorgio

Eventi in Programma

Mostra tutti...

1972 Il cambiamento con l'arrivo di Don Giorgio
Venerdì 08 Luglio 2011 15:30
È il 1972 quando arriva il giovane parroco Don Giorgio ricco di idee e iniziative e la Sagra viene rivisitata. La stagione piuttosto inoltrata e funestata da frequenti nebbie e pioggie, non aiutava una manifestazione già in crisi, molti credevano che il progressivo insuccesso fosse dovuto all'apertura della concorrente Fiera di Noventa. In realtà una Fiera era già attiva nello spiazzo della Villa Da Ponte di Reschigliano proprio in concomitanza con la Sagra, qui veniva allestita un'esposizione a scopo mercantile di animali, utensili e altri oggetti artigianali, tappeti e tessuti. Erano gli stessi proprietari "Nobili veneziani e ricchi possidenti" a promuovere la Fiera, con il tempo la famiglia lascia Reschigliano ma certo della sua memoria restano notevoli tracce, oggi la villa affrescata è ancora visibile in tutta la sua storica importanza, ma resta a noi anche il nome della tradizionale Sagra.

In merito quindi alle difficoltà del periodo in cui veniva allestita la Sagra, si decide di trasportare la festa in una stagione più propizia, indicando la 1° Domenica di Luglio come possibile data legandola alla ricorrenza religiosa del "Preziosissimo Sangue". Si fa così strada anche questa scadenza che prenderà sempre più piede avviando così la nuova tradizione di una doppia Sagra a Luglio e a Ottobre.

Se due momenti di festa all'inizio potevano andare bene, soprattutto per i bambini, con il tempo gli adulti fecero affiorare la nostalgia e le complicazioni attribuendo la colpa al parroco. Allora Don Giorgio, fatto responsabile della manifestazione, cominciò a pilotare la scelta più propizia, solenizzando quella di Luglio e trascurando quella di Ottobre, approfittando provvidenzialmente anche dell'anniversario di benedizione e di ingresso nella nuova chiesa in coincidenza con la 1° Domenica di ogni Luglio dall'anno 1976.

Passano alcuni anni finchè il parere della scelta è condiviso e difeso da un nutrito comitato di genitori che si assunsero l'onere dell'organizzazione. Il parroco sostenuto e incoraggiato comunica che la tradizionale fiera di Ottobre cesserà e sarà convertita in una festa popolare e coinvolgente che avrà come protagonista tutta la comunità.

La Sagra sarà unica, stabilita alla 1° Domenica di ogni Luglio dal 1990.